Grande aziende: i dividendi in tutto il mondo sono quasi tornati al livello pre-pandemia

Nel secondo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, gli importi concessi agli azionisti sono aumentati del 26,3% secondo l'ultimo rapporto di Janus Henderson.

Pagamenti di dividendi annullati nel 2020

Nel 2020 , pagamenti di dividendi erano annullati poiché sono stati imposti blocchi alle popolazioni e interi settori dell'economia si sono fermati. L'anno scorso, nel secondo trimestre, la retribuzione degli azionisti ha subito un calo senza precedenti a livello mondiale, del 22%, prima di scendere definitivamente limitato al 12,2% per l'intero 2020.  In settori particolarmente penalizzati dalla crisi sanitaria, aziende come Airbus e Renault rinunciano ancora a remunerare i propri azionisti.

L'aumento è dovuto principalmente alle società che hanno ripreso a pagare i dividendi annullati nel 2020

. In Francia, molte aziende hanno aumentato i propri pagamenti o li hanno mantenuti nel secondo trimestre. Le banche, costrette a rinunciare ai dividendi lo scorso anno a causa delle pressioni della Banca centrale europea, hanno ad esempio ripreso i pagamenti. Crédit Agricole si colloca così al 19° posto al mondo tra le società che hanno concesso i maggiori importi ai propri azionisti nel secondo trimestre del 2021, secondo la società di gestione del risparmio Janus Henderson. Il suo dividendo, di circa 2,42 miliardi di euro, è stato distribuito prevalentemente sotto forma di azioni. In Europa, continente dove il periodo aprile-giugno è tradizionalmente il più importante per i dividendi,

Francia e Svezia mostrano la ripresa più forte, con balzi rispettivamente di quasi il 200% e oltre il 400% delle somme pagate. In confronto, i dividendi sono aumentati del 37,2% in Germania e del 60,9% nel Regno Unito. La ripresa è in linea con il rapido rimbalzo economico a cui stiamo assistendo ora in parti del mondo in cui i programmi d'immunizzazione stanno riaprendo le economie.