Fossile di una balena trovato nel mezzo di un deserto

Non è raro che i ricercatori trovino un fossile di animale marino nel mezzo di un deserto. A ogni modo, rimane comunque una scoperta incredibile. No, non ci aspettiamo di trovare resti di creature marine che si crede vivano nel mare, dove di solito non c'è acqua. Eppure, la natura ha deciso diversamente.

Una balena rara che pesa quasi 600 kg

Il fossile di questa balena è stato trovato nella regione di Al-Jawf, in Arabia Saudita, una provincia senza sbocco sul mare in cui si trova un imponente deserto. La scoperta include una gigantesca colonna vertebrale articolata, costole, arti inferiori, ma anche scapole e parte del cranio. Un fossile quasi completo, quindi. I ricercatori hanno immediatamente identificato un esemplare estremamente raro che si ritiene sia lungo circa 3 metri e pesa tra i 500 e i 600 chilogrammi. Solo quello. Sarebbe una balena vissuta circa 37 milioni di anni fa sul nostro bellissimo pianeta blu. Ma questo è tutt'altro che il più sorprendente.

Una balena che cammina

Dove la balena sorprende, come uno dei suoi scopritori, Iyad Zalmout, è che ha gli arti posteriori ridotti. Zampe quindi? Quasi. In ogni caso ha tutti gli elementi che fanno pensare che abbia trascorso parte del suo tempo sulla terraferma. Non abbastanza per camminare, figuriamoci per correre, ma quanto basta per oziare sulla costa. Un ritrovamento che quindi rafforza l'ipotesi secondo cui gli antenati delle balene fossero terrestri. Anche quello trovato nel mezzo del deserto saudita era semi-terrestre.

Questo prima che decidesse di trascorrere tutto il suo tempo in acqua a causa del cambiamento climatico. I fossili trovati a Wadi al-Hitan, la Valle delle balene, nel deserto occidentale dell'Egitto. Questi fossili rappresentano una delle tappe importanti nell'evoluzione della balena come mammifero marino dopo essere stata un mammifero terrestre. È il sito più grande al mondo a testimoniare questa era di evoluzione.